La registrazione di un marchio c.d. debole: è ammissibile purché dotato di rilevante capacità distintiva per effetto della suo prolungata utilizzazione nel tempo e nel mercato
Il marchio debole è, per definizione, quel segno distintivo di un prodotto o di una impresa, che non abbia particolare capacità distintiva, quali nomi comuni di cose, i nomi di località e così via e, per la precisione (come enunciato dall'art.13, 1° comma, del Codice della Proprietà Intellettuale), non possono costituire oggetto di registrazione, i segni che (i) consistano esclusivamente in segni divenuti di uso comune nel linguaggio corrente o negli usi costanti del commercio, (i) siano costituiti unicamente da denominazioni generiche di prodotti o servizi o da indicazioni descrittive che vi si riferiscano. Alla luce di questa nota definizione, richiamata anche la norma di riferimento, un nome di cosa comune, che, peraltro, costituisce l'oggetto stesso che l'impresa commercia, non può essere considerato un segno adeguatamente differenziante e distintivo e, quindi, non possa essere registrato. Sul punto, tuttavia, si è, di recente, interrogata la Corte di Cassazione, con una sentenza depositata il 2 febbraio 2015 (n.1861), che ha stabilito che anche una parola di uso comune può costituire un marchio registrabile, “purché dotato di una rilevante forza distintiva per effetto della sua prolungata utilizzazione nel tempo e nel mercato”. Il principio enunciato dalla Suprema Corte, quindi, prende in esame un marchio inizialmente debole e, quindi, non adeguatamente qualificante, che, con il passare del tempo, è diventato sufficientemente distintivo, al punto da poter essere oggetto di registrazione. Ciò che è importante di tale pronuncia (a dire il vero, non unica nel suo genere), è che è stato preso in considerazione la evoluzione concreta che detto marchio ha avuto nel mercato, a seguito di un prolungato utilizzo, a livello commerciale e pubblicitario. Appare soltanto il caso di menzionare che la ratio della registrazione e la ratio di avere marchi distinguibili è non soltanto la tutela dell'impresa e dei prodotti, ma è anche la tutela del “consumatore” che non deve essere sviato e non deve essere “ingannato”, pensando di acquistare da una impresa, piuttosto che un'altra, come stabilito dall'art.12 e art.20 del Codice della Proprietà intellettuale. Tale interesse giuridico è mirato a evitare al “pubblico” il rischio di confusione, e garantire i consumatori circa la provenienza dei prodotti posti nel mercato. Sulla scorta di tale principio, la Corte non ha potuto non prendere in considerazione le evoluzioni e i trasformazioni che subiscono, nel mercato e agli occhi dei consumatori, i marchi, inizialmente deboli, e ha sancito che “è errato escludere la possibilità che un marchio, originariamente debole, diventi forte per effetto dell'elevata diffusione commerciale e pubblicitaria”. Certo è che, tale evoluzione non può che essere analizzata caso per caso e deve avere una diffusione e una utilizzazione duratura e prolungata per svariati anni (nel caso di specie, si tratta di ben diciotto anni), ma il principio è importante e dimostra come l'evoluzione, in concreto, del mercato possa cambiare principi inizialmente radicati nel nostro Diritto. Da ultimo, appare soltanto il caso di accennare al caso Google, in cui si è vista questa evoluzione, anche se al contrario, tenuto conto che con il passare del tempo, da marchio forte, è diventato un marchio debole, in forza del fatto che il termine google fosse divenuto sinonimo, in inglese, di “ricercare su internet”. Leggi la sentenza completa: LEGGI LA SENTENZA COMPLETA: Avverso la sentenza n. 394/2008 della CORTE D'APPELLO di BARI, depositata il 21/04/2008; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 17/12/2014 dal Consigliere Dott. ANTONIO PIETRO LAMORGESE; udito, per la ricorrente, l'Avvocato SANTONI che si riporta; udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CORASANITI Giuseppe, che ha concluso. per l'accoglimento del ricorso. Svolgimento del processo 1.- La società Natuzzi, titolare del marchio nazionale e comunitario "Divani&Divani", chiese al Tribunale di Bari di inibire alla società "Divini&Divani" l'uso dell'omonimo marchio quale denominazione sociale e segno identificativo di divani e poltrone, di accertare la concorrenza sleale e di emettere i provvedimenti conseguenziali, deducendone la confondibilità con il proprio marchio che era dotato di una rilevante forza distintiva per effetto della sua prolungata utilizzazione nel tempo nel mercato dei salotti. 2.- Nel contraddittorio con la società convenuta il tribunale accolse le domanda relativa alla contraffazione del marchio e di risarcimento del danno per l'indebito vantaggio tratto dalla società convenuta e rigettò le domande di concorrenza sleale e quella connessa risarcitoria. 3.- La "Divini&Divani", a sostegno del gravame, negava la confondibilità dei marchi e deduceva la debolezza di quello dell'attrice e l'insussistenza di danni risarcibili. Il gravame è stato accolto dalla Corte di appello di Bari, con sentenza 21 aprile 2008, che ha rigettato le domande della società Natuzzi. 4.- Quest'ultima ricorre per cassazione sulla base di tre motivi. La controparte non ha svolto difese. Motivi della decisione 1.- I primi due motivi del ricorso sono connessi e vanno esaminati congiuntamente. 1.1.- Nel primo è dedotta la violazione o falsa applicazione dell'art. 13 del c.p.i. D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30 R.D. 21 giugno 1942, n. 929, art. 47 bis, in materia di marchi registrati, inserito dal D.Lgs. 4 dicembre 1992, n. 480 per non avere la corte considerato che, seppure il segno registrato dalla Natuzzi fosse originariamente debole, esso aveva acquisito una forte capacità distintiva in ragione dell'intenso uso commerciale e pubblicitario che ne era stato fatto e che si protraeva da diciotto anni, indipendentemente dal momento della registrazione (avvenuta nel 1991, tra l'altro in epoca anteriore alla costituzione della "Divini&Divani"). Esso si conclude con un quesito diretto a stabilire che "un marchio originariamente debole, una volta acquisita capacità distintiva per l'uso commerciale che ne è stato fatto, abbisogna della più rigorosa tutela riconosciuta al marchio forte, anche se tale uso è successivo alla registrazione del marchio". 1.2. Nel secondo motivo, è dedotta la violazione dell'art.20, comma 1, lettera B), e dell'art.22, comma 1, CPI, per avere ignorato il rischio di confusione per il consumatore medio, che può essere tratto in inganno sull'origine del prodotto, avente grande notorietà sul mercato, anche internazionale. Il quesito conclusivo è diretto a stabilire che "l'interesse giuridico ad evitare il rischio di confusione per il pubblico, sotteso all'art. 12, art. 20, comma 1, lett. b), art. 22, comma 1, c.p.i., e a garantire i consumatori circa la provenienza dei prodotti, deve prevalere sull'interesse alla disponibilità del segno per gli operatori di settore, quando il marchio registrato abbia conseguito su quel mercato un grado di notorietà tale da determinare una facile associazione tra marchio e segno dovuta al notevole grado di somiglianza". 2.- I predetti motivi sono fondati nei termini che seguono, essendo non conformi a diritto entrambe le argomentazioni poste a base della sentenza impugnata. La corte di appello ha qualificato il marchio dell'attrice, "Divani&Divani", come debole perchè composto con parola di uso comune, senza una originalità connessa alla ripetizione della parola e all'inserimento della "e" commerciale (&), con la conseguenza che la sua tutela è limitata alla imitazione integrale, non ravvisabile nella fattispecie (a); inoltre, ha ritenuto non rilevante, al fine di accertare la natura debole o forte del marchio, la sua elevata diffusione commerciale e pubblicitaria, a causa del prolungato uso e delle caratteristiche stilistiche del segno adottato, poichè "non è comunque lo sforzo pubblicitario conseguente alla registrazione del marchio, ovvero l'ambito e i tempi di commercializzazione del prodotto che possono determinare il mutamento ... del marchio, originariamente debole, in ... marchio forte" (b). 2.1.- La prima delle suddette affermazioni (sub a) trascura i principi enunciati da questa Corte con riguardo sia alla tutela riconoscibile ai cosiddetti marchi deboli sia ai criteri che il giudice di merito deve seguire per accertare la confondibilità dei segni distintivi operanti sul mercato. In particolare, la qualificazione del segno distintivo come marchio debole non impedisce il riconoscimento della tutela nei confronti della contraffazione, in presenza dell'adozione di mere varianti formali, inidonee ad escludere la confondibilità con ciò che del marchio imitato costituisce l'aspetto caratterizzante, ovverosia il nucleo cui è affidata la funzione distintiva (v. Cass. n. 14684/2007). Quindi anche il marchio debole è protetto dalla contraffazione se la variante non esclude il rischio di confusione rispetto al nucleo del marchio cui è affidata la funzione descrittiva. Se si negasse tale principio si finirebbe per limitare la tutela del marchio debole ai casi di imitazione integrale o di somiglianza prossima all'identità, cioè di sostanziale sovrapponibilità del marchio utilizzato dal concorrente a quello anteriore registrato, ma tale conseguenza è estranea alla logica della tutela del marchio debole. Sarebbe inutile obiettare che il marchio di cui si invoca la tutela, nella specie, è costituito dalla ripetizione di una parola ("DIVANI") di uso comune la cui denominazione del prodotto, poiché gli stessi giudici di merito ne hanno riconosciuto capacità distintiva,e, quindi la validità come marchio, seppur devole Inoltre, i giudici di merito hanno effettuato un esame particolareggiato dei singoli elementi costitutivi del segno e ne hanno valutato analiticamente la identità e somiglianza, ma hanno omesso di effettuare il giudizio finale in via globale e sintetica, come richiesto dalla giurisprudenza di legittimità, dell'insieme degli elementi salienti, grafici e visivi; a tal fine è necessario assumere, per quanto possibile, la stessa posizione valutativa del consumatore medio di quel genere di prodotti al quale il marchio è presentato, prescindendo dalla possibilità di un attento esame comparativo, cioè mediante un raffronto tra il marchio presentato al consumatore ed il mero ricordo mnemonico dell'altro (v. Cass. n. 1437/1990, 4405/2006, n. 6193/2008). Pertanto, essi avrebbero dovuto verificare se la società convenuta, utilizzando la denominazione sociale "Divini&Divani", avesse inteso appropriarsi del nucleo centrale del messaggio individualizzante del marchio anteriore, riproducendolo o imitandolo nella parte destinata ad orientare le scelte dei potenziali acquirenti. 2.2.- E' errata in diritto anche la seconda affermazione (sub b) che ha escluso la possibilità che un marchio, originariamente debole, diventi forte per effetto dell'elevata diffusione commerciale e pubblicitaria. In applicazione di questo principio, la Corte territoriale avrebbe dovuto verificare se il marchio "Divani&Divani" avesse accumulato in sè una forza distintiva tale da fare riconoscere come rafforzata la propria capacità distintiva, per effetto del suo diffuso utilizzo a livello nazionale ed internazionale e del duraturo sostegno pubblicitario, come ritenuto dal primo giudice che lo aveva giudicato notorio e rinomato. 3.- Resta assorbito il terzo motivo di ricorso che deduce vizi motivazionali in ordine alla qualificazione del marchio della Natuzzi come debole. 4.- In conclusione, in accoglimento dei primi due motivi, la sentenza impugnata è cassata con rinvio alla Corte di appello di Bari che, in diversa composizione, dovrà attenersi alle indicazioni e ai principi sopra espressi (nei paragrafi 2.1 e 2.2.) e provvederà sulle spese del giudizio di cassazione. P.Q.M. La Corte, in accoglimento dei primi due motivi di ricorso, assorbito il terzo, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte di appello di Bari, in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità. Così deciso in Roma, il 17 dicembre 2014.DATA DEPOSITO 2 FEBBRAIO 2015